Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Il Giappone si racconta a Cartoons on the Bay

Il Giappone si racconta a Cartoons on the Bay - foto Maurizio D'Avanzo Il Giappone si racconta a Cartoons on the Bay - foto Maurizio D'Avanzo

Il produttore Keisuke Tsuchihashi: "Il settore soffre la forza dei grandi competitors"

AGIPRESS - TORINO - “Le emozioni abbattono i confini tra una nazione e l’altra. Dove c’è talento non ci sono confini”. Parola di Keisuke Tsuchihashi, produttore del broadcaster giapponese NHK, chiamato a raccontare alla platea di Cartoons on The Bay, il mondo dell’animazione nel Paese del Sol Levante, ospite dell'edizione 2017. Emozione, talento, ma non solo, perché “oggi – ha aggiunto - quello degli anime sta diventando un mercato sempre più competitivo e i broadcaster tradizionali come la NHK sembrano non reggere il peso di forti competitor mondiali come Amazon e Netflix”.

Luci e ombre di un settore di cui hanno parlato - nell’incontro che ha celebrato il centesimo anniversario dalla nascita del cinema di animazione nipponico - due delle artiste più note nel mondo dell’animazione giapponese, Sayoko Kinoshita e Fusako Yusaki, che attacca la tecnologia: “Io ho iniziato a lavorare con la plastilina in Italia negli anni ’60 – ricorda - mentre oggi manca la passione nel fare: il digitale conserva il lavoro e lo rende monotono e riciclabile”.

Non sono mancati neppure i professionisti legati al grande mondo dell’industria degli anime come Shinichiro Kashiwada, produttore del lungometraggio – cult “Sword Art Online”. E proprio lui, a chi gli chiedeva se le porte del Giappone siano aperte anche agli occidentali, ha risposto che lo sono certamente. Anche se il problema – ha aggiunto scherzando – restano la lingua e le aspettative di guadagno.

Secondo il rappresentante della Sony Creative Products, Fumitaka J. Torio, invece, la multimedialità dei media odierni, ha aumentato le possibilità di fruizione degli spettatori e trasformato gli anime in un prodotto di nicchia per pubblici specializzati. Per sostenere una ripresa e contrastare la frammentazione e dei pubblici “dobbiamo cercare di considerare il pianeta intero come target” ha annunciato Torio. La crisi però sembra non intaccare affatto il cinema, dove anzi l’animazione decolla con il trionfo di “Your Name” di Makoto Shinkai, un trionfo raccontato da Noritaka Kawaguchi, della Comix Wave Films, la casa di produzione del film record di incassi al cinema in tutto il mondo.

Agipress

Ultima modifica ilSabato, 08 Aprile 2017 12:24
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici