Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

IGIENE A RISTORANTE - "Serve il punteggio di un'autorità di controllo"

Un'apposita autorità di controllo con relativo punteggio, sull'esempio britannico: è la proposta dell'Aduc per valutare l'igiene nei ristoranti anche in Italia Un'apposita autorità di controllo con relativo punteggio, sull'esempio britannico: è la proposta dell'Aduc per valutare l'igiene nei ristoranti anche in Italia

“roposta dell'Aduc sull'esempio britannico: "Lo suggeriremo al prossimo ministro della salute”

AGIPRESS – ROMA – Igiene ai ristoranti? L'Italia potrebbe fare come la Gran Bretagna, affidando un punteggio dalle autorità di controllo. Lo proporrà l'Aduc, Associazione per i diritti degli utenti e dei consumatori, al prossimo ministro della salute. “Cosa ne sappiamo dell'igiene di un ristorante, di un bar o di una tavola calda? Nulla. I controlli vengono effettuati, in via ordinaria, dalle Asl ma i risultati non sono disponibili per i consumatori”, spiega Primo Mastrantoni, segretario dell'Aduc. Che propone di guardare oltre Manica: “In Gran Bretagna il problema dell'informazione al consumatore è stato risolto attribuendo ad ogni locale una valutazione numerica: il Food Hygiene Rating. Ad ogni luogo, dove si può consumare o prelevare del cibo, viene assegnato un punteggio dalla autorità di controllo, che è riportato su un autoadesivo da collocare nel locale, che varia da un minimo di 0 (urgenza di miglioramento) a 5 (molto buono) – spiega Mastrantoni - Le valutazioni vengono inserite anche sul sito Internet della Food Standards Agency, così può avere l'informazione direttamente da casa prima di uscire. I controlli riguardano la conservazione del cibo, la cottura, il raffreddamento e le condizioni del locale, la pulizia innanzitutto. Potrebbe essere una buona soluzione per i consumatori. Lo proporremo – conclude il segretario dell'Aduc - al prossimo ministro della Salute”.

Agipress

Ultima modifica ilVenerdì, 21 Febbraio 2014 14:48
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici