Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Giorno del Ricordo, seduta solenne Consiglio Regionale della Toscana

Giorno del Ricordo, seduta solenne Consiglio Regionale della Toscana Giorno del Ricordo, seduta solenne Consiglio Regionale della Toscana

Dedicata alla memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe

AGIPRESS - FIRENZE - "L'istituzione del Giorno del Ricordo è stata un atto di giustizia dopo i prolungati silenzi su questa vicenda, un atto dovuto alle vittime ed i loro familiari, privati per troppo tempo del riconoscimento pubblico e dell'attenzione dovuta alla tragedia del proprio passato". Lo ha dichiarato il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, in apertura del suo intervento alla seduta solenne del Consiglio regionale. "E' un riconoscimento al dolore ed alle sofferenza di chi perse la vita o vide tagliate le proprie radici, sradicati dalle proprie case e dal proprio mondo – ha aggiunto il presidente - Guardati con sospetto e diffidenza, conobbero spesso un paese ingrato ed un'opinione pubblica distante a volte ostile. Oggi siamo chiamati al risarcimento". Oltre il ricordo e la conservazione della memoria, a suo parere, quei fatti impongono una riflessione, utile anche per il presente. "Leggiamo in questa tragedia la dissoluzione della tradizione civile dell'Europa – ha osservato – di quella cultura universale e del progresso della scienza e della tecnica, che potevano fare del continente un laboratorio di diritti. Tutto questo non avvenne. Ci fu invece regresso, morte". "Oggi ci stringiamo in piena solidarietà con coloro che furono esuli e vittime. Più di 400mila furono costretti a lasciare le loro terre e tanti, tantissimi, furono gettati vivi nelle foibe. Ritengo che la storia renda finalmente ragione di quello che accadde, senza più le coltri che l’ideologia ha, purtroppo, condizionato”. Così il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani. 

"Ci tenevamo ad essere presenti anche noi all’assemblea solenne" - afferma Luca Belloni Responsabile Progetti e Sviluppo della cooperativa Multicons che plaude all'iniziativa del Consiglio Regionale. "Un'iniziativa - aggiunge - tesa a conservare e rinnovare la memoria di tutte la vittime delle foibe e delle sofferenze di quanti si videro costretti ad abbandonare le loro case e la loro terra". "Questi drammatici avvenimenti  - chiude Belloni - dovrebbero essere radicati nella nostra memoria e servirci da esortazione nell’affrontare oggi, nei migliori dei modi, l’accoglienza di chi ora scappa dai drammi della guerra e  dalle sofferenze".

AGIPRESS

Ultima modifica ilLunedì, 13 Febbraio 2017 14:48
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici