Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

FAME NEL MONDO - La soffrono ancora oltre 800 milioni di persone

La situazione della fame nel mondo è in costante miglioramento ma ne soffronto ancora oltre 800 milioni di persone La situazione della fame nel mondo è in costante miglioramento ma ne soffronto ancora oltre 800 milioni di persone

Il fenomeno cala ma la situazione è ancora grave. Secondo il Global hunger index dal 1990 i livelli scendono del 23% in Africa Subsahariana, del 34% in Asia Meridionale e del 28% nel Vicino Oriente e Nord Africa

AGIPRESS – MILANO - La fame globale è in calo ma la situazione rimane grave. Dei 120 Paesi analizzati, 3 sono in condizioni estremamente allarmanti (Burundi, Eritrea e Comore), 16 hanno un livello di fame allarmante (tra cui Haiti, India, Mozambico) e 37 sono gravi (tra cui Zimbabwe, Uganda e Kenya).  Questi gli ultimi dati emersi dall’Indice Globale della Fame (Global Hunger Index – GHI) presentato a Milano da Cesvi in collaborazione con ISPI e Link2007, con il patrocinio di Expo2015.

L’Indice della fame a livello mondiale scende dai 19,8 punti del 1990 ai 13,8 del 2013, ma l’Africa Sub Sahariana e l’Asia Meridionale mantengono valori ancora molto elevati con 19,2 e 20,7 punti. Le inadeguatezze sociali e il basso livello nutrizionale, educativo e sociale delle donne sono ancora le cause principali della denutrizione infantile in Asia Meridionale. L’Africa subsahariana presenta un grave livello di fame, ma la stabilità politica, la crescita economica, i successi della lotta all’Hiv, la diminuzione dell’incidenza della malaria, il miglioramento dell’assistenza prenatale, il più ampio accesso all’acqua potabile e alle strutture igienico-sanitarie hanno permesso un lento ma progressivo miglioramento. 

L’Indice è uno strumento, calcolato da IFPRI, Welthungerhilfe e Concern, che combina tre indicatori: la percentuale di popolazione denutrita, il tasso di mortalità infantile sotto i 5 anni e la percentuale di bambini sottopeso sotto i 5 anni, attribuendo un punteggio a livello mondiale, regionale e nazionale. Ogni anno il GHI propone un approfondimento tematico che aiuta ad analizzare la fame come fenomeno multidimensionale.  Tema del 2013 è la Resilienza Comunitaria alla denutrizione. 

“L’incapacità di far fronte a shock e fattori di stress come alluvioni, terremoti o aumento dei prezzi è una delle ragioni chiave della povertà in cui vivono le popolazioni vulnerabili” afferma Giangi Milesi, Presidente Cesvi. “Una comunità è resiliente” continua il Presidente del Cesvi “quando è capace di prevedere i rischi, migliorare le sua capacità di risposta agli shock e di adattamento nel medio-lungo periodo adottando nuove strategie agricole e valorizzando le risorse locali.” 

Cesvi è il curatore italiano dell’Indice Globale della Fame 2013. Il rapporto è stato presentato in contemporanea mondiale in Italia, Francia, Germania, USA, Inghilterra, Irlanda e Belgio, grazie alla collaborazione di Alliance2015, un network europeo di 7 ONG di cui Cesvi fa parte dal 2002. Quest’anno l’Indice Globale della Fame è stato presentato grazie al contributo della Commissione Europea, del Comune di Milano e di Coop Lombardia.

 

Agipress

 

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici