Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

EVENTI - STIA - AREZZO - Giorgio Bianciardi al planetario del Parco per una ricerca sulla vita nel sistema solare

Al Planetario del Parco Giorgio Bianciardi Al Planetario del Parco Giorgio Bianciardi

Uno studio condotto a Stia (AR)  da Giorgio Bianciardi, chimico, biologo ed esperto di sistemi caotici, insieme a Joseph Miller, neurobiologo dell'Università della California ex direttore del progetto Space Shuttle alla NASA

AGIPRESS - AREZZO - Sabato 27 luglio, a partire dalle ore 21 presso il Planetario del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, in loc. Stia con Giorgio Bianciardi  si parlerà della vita su Marte.

Un’occasione unica per essere informati e aggiornati, direttamente dal principale protagonista, su uno degli studi più importanti nel panorama internazionale riguardante la ricerca di forme di vita negli altri corpi del sistema solare, e di alcuni recenti sviluppi, di cui avremo il privilegio di essere a conoscenza, primi in assoluta mondiale tra i non addetti ai lavori.

La NASA di recente ha confermato che ci sono alte possibilità che un tempo sul pianeta rosso ci fossero le condizioni per lo sviluppo di microrganismi nonostante non si abbia ancora la certezza assoluta. Questa conferma, arrivata da recenti analisi di un campione di roccia raccolto dal rover americano Curiosity, atterrato su Marte nell’agosto 2012, ha permesso ai ricercatori della NASA di arrivare appunto alla conclusione che in tempi remoti Marte avesse probabilmente ospitato qualche forma di vita, sotto forma di microorganismi.

Con le dovute cautele sui risultati, è esattamente quello che Giorgio Bianciardi, chimico, biologo ed esperto di sistemi caotici, docente di Astrobiologia all'Università di Siena e Vicepresidente della Unione Astrofili Italiani, ha rilevato in uno studio condotto insieme a Joseph Miller, neurobiologo dell'Università della California nonché ex direttore del progetto Space Shuttle alla NASA, e Gilbert Levin, uno dei pionieri della ricerca di vita sul Pianeta Rosso.

Per capire i risultati dell’indagine, portata agli onori della cronaca mondiale nella primavera 2012, bisogna tornare al 1976, quando la NASA inviò due sonde su Marte, Viking 1 e 2, e vi fece atterrare due lander programmati per eseguire esperimenti di biologia. Erano previsti tre test, tra cui quello chiamato Labeled Release (LR), ideato proprio da Levin. I lander raccolsero campioni di suolo marziano e lo mescolarono ad acqua contenente nutrienti e a un isotopo di carbonio radioattivo. Se il suolo marziano avesse contenuto batteri o altre forme di vita, queste avrebbero metabolizzato i nutrienti e rilasciato metano o anidride carbonica, anch'essi radioattivi (perché formati a partire dagli atomi di carbonio usato come tracciante).

L'esperimento ebbe esito positivo, come ha recentemente raccontato Miller a National Geographic : “ Nel momento in cui i nutrienti sono stati mescolati ai campioni di suolo, si sono sviluppate circa 10mila molecole radioattive - una grande differenza rispetto ai 50-60 eventi dovuti alla radiazione del suolo naturale su Marte”. Purtroppo, le altre prove non portarono alle stesse conclusioni, pertanto la NASA non prese più in considerazione i dati di LR. Ovviamente, la decisione non passò sotto silenzio, ma scatenò un dibattito che si è protratto fino a oggi.

 Nel nuovo studio, apparso su International Journal of Aeronautical and Space Sciences, Bianciardi, Levin e gli altri hanno applicato ai dati delle missioni Viking un modello matematico che permette di sapere se un evento si deve a un processo metabolico (quindi legato a una forma di vita) o a un processo chimico-fisico. I dati sembrano confermare che il rilascio di molecole radioattive registrato più di 30 anni fa potrebbe davvero essere stato causato dal risveglio di microorganismi.

Agipress

Ultima modifica ilMercoledì, 24 Luglio 2013 08:49
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici