Menu
GIMBE: "Non opportuno il prolungamento dello stato emergenza per Covid-19, ma prepararsi a convivenza con l'influenza"

GIMBE: "Non opportun…

L'analisi sui princi...

Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Emergenza COVID-19, in Toscana task force di AIMA per le famiglie dei malati di Alzheimer

Emergenza COVID-19, in Toscana task force di AIMA per le famiglie dei malati di Alzheimer Emergenza COVID-19, in Toscana task force di AIMA per le famiglie dei malati di Alzheimer

Ascolto telefonico in integrazione con i servizi territoriali per le demenze e un sito web dedicato.

AGIPRESS - FIRENZE - Una task force composta da tutte le delegazioni presenti sul territorio regionale di AIMA Toscana è a disposizione delle famiglie dei malati di Alzheimer per fornire ascolto, sostegno e  orientamento in questo periodo di emergenza determinato dalla pandemia da COVID-19. Le famiglie possono rivolgersi per telefono, per e mail o live chat alla sede AIMA più vicina alla propria residenza. Obiettivo principale quello di continuare a rispondere al bisogno di sostegno e affiancamento delle famiglie in un momento in cui molti servizi, come gli ambulatori dedicati, Centri Diurni Alzheimer, Caffé e Atelier Alzheimer sono sospesi nel rispetto delle direttive nazionali e regionali per l’emergenza sanitaria in atto. 

ASCOLTO, SUPPORTO E ORIENTAMENTO TELEFONICO - Tutte le sedi AIMA della Toscana, coordinate dalla sede Firenze, hanno mantenuto e potenziato l'attività di ascolto telefonico, garantendo l'accoglienza in una ampia fascia oraria giornaliera. Operatori esperti rispondono ai bisogni di orientamento, informazione, consulenza e sostegno psicologico. L’operatività di AIMA si integra con la Rete dei Servizi Sociosanitari territoriali, ovvero gli ambulatori di Medicina Specialistica per la Demenza (CDCD) ed i Servizi Sociali, che in questo periodo di emergenza hanno potenziato l'attività di front office telefonico per seguire i pazienti in carico o intervenire nei casi di emergenza clinica o sociale. 

LA RETE - La rete AIMA Toscana comprende i centri di ascolto di Arezzo, Costa Etrusca (da Rosignano M.Mo a Piombino), Empoli, Firenze, Cortona, Lucca, Pisa, Pistoia, Prato, Siena. La rete si avvale anche dei volontari del Servizio Civile delle Botteghe della Salute Anci attiviate presso le sedi AIMA di Cortona, Firenze, Empoli, Rosignano Costa Etrusca. Le fasce orarie e tutti i contatti disponibili per ciascuna zona sono consultabili su www.aimacomunica.it, lo strumento di comunicazione digitale ideato da AIMA Firenze appositamente per questa fase di emergenza. Oltre ad essere veicolo di informazioni e documenti aggiornati, prevede una possibilità di interazione in tempo reale con le famiglie dei malati, attraverso una live chat.

 “E’ un progetto meritevole in una situazione di emergenza come quella che stiamo vivendo – ha dichiarato l’assessore al diritto alla salute della Regione Toscana Stefania Saccardi -. La nostra è una comunità solidale, consapevole e sempre attiva nel proporre iniziative che siano di aiuto alle persone più in difficoltà e alle loro famiglie. Da anni con Aima abbiamo una collaborazione molto stretta e sostenuto progetti sperimentali per fronteggiare una malattia che ha forti ripercussioni anche sul nucleo familiare e sulle relazioni esterne. E’ meritevole l’attenzione di Aima per contenere il rischio di isolamento dei malati di Alzheimer, in un periodo di misure restrittive e di mutato contesto sociale dovuto al Covid-19”.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici