Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

EDILIZIA SCOLASTICA - Dalla Toscana chiesti 13 milioni al ministero per mettere a norma gli edifici

Tredici milioni circa in arrivo dal Miur per l'edilizia scolastica in Toscana Tredici milioni circa in arrivo dal Miur per l'edilizia scolastica in Toscana

58 gli interventi finanziabili, 34 dei quali già finanziati. L'assessore Targetti: servono altre risorse

AGIPRESS - FIRENZE - Tredici milioni e 300 mila euro: a tanto ammonta la richiesta complessiva degli enti locali toscani indirizzata al Ministero dell'istruzione per riqualificare e mettere a norma edifici scolastici di loro proprietà. A fare il decreto con la graduatoria (58 interventi finanziabili, 34 dei quali in effetti finanziati con i soldi a oggi disponibili) sono stati gli uffici della Regione Toscana in base a una legge nazionale dello scorso agosto (il cosiddetto "decreto del fare") che stanziava 150 milioni per tutta Italia assegnandone 10 alla Toscana (ma questi potranno incrementarsi nel caso che altre regioni non riescano a utilizzare pienamente le risorse loro destinate), con l'obiettivo dare ossigeno agli interventi per la sicurezza negli edifici scolastici con particolare riferimento per quelli con presenza di amianto.

"I tempi dettati dal decreto nazionale - sottolinea Stella Targetti, vicepresidente della Regione Toscana con delega all'Istruzione - erano strettissimi, ma in Toscana siamo riusciti a rispettarli grazie ad un bello sprint compiuto dagli enti locali e dagli uffici regionali. Ora - aggiunge Targetti - rivolgiamo un appello al Miur affinchè vengano investite altre risorse per consentire così lo scorrimento delle graduatorie". La vicepresidente cita in modo esplicito altri 100 milioni, sempre previsti nel "decreto del fare", che Inail dovrà destinare nel 2014 al miglioramento della sicurezza degli edifici scolastici.

Con i denari inizialmente disponibili per la Toscana (appunto i 10 milioni) sono 34 le richieste che, assegnando davvero i lavori entro il 28 febbraio 2014, non avranno problemi. Sull'avviso regionale pubblicato a settembre sono arrivate, negli uffici della Regione Toscana, 137 domande (15 da 9 Province e 122 da 95 Comuni) per un totale di richieste che sfiorava i 39 milioni di euro. L'avviso dava la possibilità di presentare un massimo di due domande per ciascun ente richiedente.

La Regione ha ammesso a valutazione 104 domande (le restanti 33 non sono state valutate perchè non rispondenti ai requisiti di ammissibilità) per un totale di richieste che sfiora i 32 milioni di euro. Al termine della procedura di valutazione, 58 sono gli interventi risultati finanziabili (51 vengono da Comuni e 7 da Province). Dei 34 interventi sicuramente finanziati con i 10 milioni sicuramente disponibili, 4 vengono da Province e 30 da Comuni.

In allegato: i 58 interventi ammessi a finanziamento e i 34 interventi, divisi per provincia, sicuramente finanziati.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici