Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

CREMAZIONE - Pronte le modifiche alla vecchia legge regionale

Un tempio crematorio: cresce la richiesta di cremazioni anche in Toscana Un tempio crematorio: cresce la richiesta di cremazioni anche in Toscana

Obiettivo della Regione rendere le pratiche più veloci e realizzare un piano di coordinamento per i crematori di tutta la Toscana

AGIPRESS - FIRENZE – Pratiche più veloci per i cittadini e un piano regionale di coordinamento per la realizzazione e la gestione dei crematori sul territorio regionale. Sono questi gli obiettivi della proposta di modifiche alla legge regionale sulla cremazione, che è stata approvata dalla giunta regionale. L’intento è colmare alcune lacune presenti nella legge regionale 29 del 2004, in particolare per quanto riguarda l’individuazione del Comune competente all’affidamento e alla dispersione delle ceneri e agli obblighi di custodia degli affidatari dell’urna.
La cremazione è regolamentata da una legge nazionale molto vecchia, e, in Toscana, dalla legge regionale del 2004. Ma questa pratica negli ultimi anni si è andata diffondendo molto. In Toscana le cremazioni sono cresciute dalle 5.616 del 2007 (il 13,7% del totale dei morti in Toscana, e il 9,6% del totale delle cremazioni in Italia), alle 7.810 del 2010 (il 18,8% del totale dei morti in Toscana e il 10,2% del totale delle cremazioni in Italia). E nel 2011 si è registrato un ulteriore, consistente aumento: 10.328 cremazioni.
Le novità contenute nella proposta di modifica riguardano il sistema di controlli sulle modalità di conservazione dell’urna (che deve essere correttamente conservata in luoghi protetti da profanazione) e anche sulle finalità dell’affidamento (i Comuni devono vigilare per evitare che l’affidamento a soggetti diversi dai familiari possa costituire oggetto di attività lucrativa). Inoltre, viene riconosciuta ai familiari la facoltà di chiedere la cremazione di salme inumate da almeno dieci anni o tumulate da almeno venti.
Ma la novità più rilevante è l’introduzione del Piano regionale di coordinamento per la realizzazione dei crematori sul territorio regionale. In Toscana attualmente gli impianti crematori sono 7: ad Arezzo, Firenze, Livorno, Massa, Pisa, Pistoia, Siena. Ma in alcuni casi, l’attesa per una cremazione si prolunga fino a due mesi. E’ urgente quindi, se non la realizzazione di nuovi impianti, quantomeno una loro più corretta e razionale gestione a livello regionale. Il primo Piano dovrà essere presentato al Consiglio entro un anno dall’entrata in vigore della legge.

Agipress

 

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici