Menu
Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

SCIENZA - L’asimmetria dentale ha effetti sulle aree del cervello associate alla memoria

SCIENZA - L’asimmetria de…

Può causare malattie...

Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Contenimento dei sintomi e al mantenimento delle capacità residue, a Firenze riapre l'"Atelier Alzheimer"

Contenimento dei sintomi e al mantenimento delle capacità residue, a Firenze riapre l'"Atelier Alzheimer" Contenimento dei sintomi e al mantenimento delle capacità residue, a Firenze riapre l'"Atelier Alzheimer"

Da oggi, tutti i lunedì e i giovedì, al Centro Età Libera del Quartiere 4.

AGIPRESS - FIRENZE - A Firenze riapre l’Atelier Alzheimer - tutti i lunedì e i giovedì dalle nove a mezzogiorno - al Centro Età Libera del Quartiere 4 in via dell'Anconella, 3 (ex Gasometro). L’iniziativa è rivolta alle persone affette da patologia a carico del sistema nervoso centrale, come la demenza, l'Alzheimer, o la demenza vascolare con sintomi comportamentali e cognitivi lievi ed ha lo scopo di sviluppare e attuare opportune azioni volte al contenimento dei sintomi e al mantenimento delle capacità residue dell’utente. Nel mondo dell’assistenza per malati di Alzheimer, quello dell’Atelier rappresenta un progetto di totale innovazione: il servizio, infatti, consente all’utente di svolgere un’attività di animazione e di rallentare la perdita delle funzioni correlata alla progressione della malattia per garantire la miglior qualità della vita, oltre a trasferire al caregiver (il familiare o chi si occupa di assistere il malato) le competenze necessarie a continuare nell’ambiente familiare il lavoro di cura proposto nel laboratorio. Il progetto si svolge sulla base di un piano d’azione individuale e personalizzato, elaborato sui bisogni e le caratteristiche dell’utente, sviluppato in base all’inquadramento del funzionamento cognitivo, della storia medica e di vita dell’utente, grazie all’osservazione e alla collaborazione dei familiari.

“Si tratta di uno dei progetti più innovativi per persone che vivono la demenza di vario tipo” – spiega Francesco Manneschi, presidente della Cooperativa Nomos che ha ideato e sviluppato il progetto-. “E’ un laboratorio di animazione riabilitativa e sociale per persone con sintomi lievi o moderati mirato al contenimento dei sintomi e al mantenimento delle capacità, che sviluppa modelli innovativi di presa in carico ed erogazione di servizi socio-assistenziali, con speciale riferimento al settore anziani, in risposta alle necessità espresse dal territorio, ricercando un sistema pratico ed intelligente in grado di mantenere e ristabilire un adeguato livello di benessere e armonia all’interno della famiglia”. AGIPRESS

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici