Menu
Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

SCIENZA - L’asimmetria dentale ha effetti sulle aree del cervello associate alla memoria

SCIENZA - L’asimmetria de…

Può causare malattie...

Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Conferenza dei Ministri della Cultura: “Creatività e patrimonio culturale risorse strategiche per un’Europa diversa e democratica”

Conferenza dei Ministri della Cultura: “Creatività e patrimonio culturale risorse strategiche per un’Europa diversa e democratica” Conferenza dei Ministri della Cultura: “Creatività e patrimonio culturale risorse strategiche per un’Europa diversa e democratica”

Organizzata dal Consiglio d’Europa e il Ministero della Cultura italiano nel quadro della Presidenza italiana del Comitato dei Ministri.

AGIPRESS - STRASBURGO - La cultura, la creatività e il patrimonio culturale sono risorse strategiche per forgiare un’Europa diversa e democratica. La cultura è un motore per la trasformazione politica, sociale e tecnologica ma è anche direttamente influenzata dalle sfide globali di oggi. La cultura e la creatività, il patrimonio culturale e il paesaggio contribuiscono a garantire la libertà di espressione (online e offline), a sostenere gli sviluppi dell’intelligenza artificiale, a potenziare la società civile, a stimolare il dibattito pubblico e a fornire una piattaforma educativa per una cittadinanza democratica. Sono i principi chiave che saranno al centro della Conferenza dei Ministri della Cultura il 1° aprile (dalle 9:30 alle 17:00) organizzata dal Consiglio d’Europa e il Ministero della Cultura italiano nel quadro della Presidenza italiana del Comitato dei Ministri. Il Ministro della Cultura italiano Dario Franceschini e la Segretaria generale Marija Pejčinović Burić terranno i discorsi di apertura insieme ad altri rappresentanti di alto livello. Il Ministro della Cultura e della Politica dell’informazione ucraino interverrà alla conferenza con una dichiarazione che porrà l’accento non solo sull’impatto negativo e i danni arrecati alla cultura e al patrimonio culturale dell’Ucraina in seguito all’aggressione da parte della Federazione russa, ma anche sulla resilienza del suo Paese e sull’uso di forze creative.

L’arte e la creatività, il patrimonio e il paesaggio possono trarre vantaggio dagli sviluppi tecnologici e possono anche aiutare a definire la nuova realtà. In linea con le priorità della Presidenza italiana, nonché le sfide legate alla trasformazione digitale della nostra società, il dibattito verterà su due domande: Come assicurare che l’esclusivo quadro giuridico creato dalle Convenzioni del Consiglio d’Europa sulla cultura, il patrimonio e il paesaggio sostenga la società nell’affrontare le sfide del nostro tempo? Che cosa garantirà nel paesaggio culturale la protezione della diversità culturale e della libertà di espressione nell’ambiente digitale, estendendo al contempo la partecipazione democratica? 

La conferenza mira a esaminare in modo approfondito le sfide e le opportunità delle tecnologie digitali per la politica culturale europea, gli standard del patrimonio culturale e le pratiche audiovisive in due sessioni principali: 1 - le conseguenze degli sviluppi tecnologici, tra cui l’intelligenza artificiale (IA) per le convenzioni sul patrimonio culturale del Consiglio d’Europa (Granada, Valletta, Faro e Nicosia), anche nel perseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile; 2 - le specifiche sfide poste alla creatività, alla diversità e al pluralismo dagli sviluppi dell’IA e dagli attori digitali globali che usano algoritmi predittivi nel campo dell’industria audiovisiva, così come la necessità di promuovere la diversità culturale e la partecipazione culturale nel campo del digitale e nella produzione creativa.

AGIPRESS

Ultima modifica ilGiovedì, 31 Marzo 2022 09:30
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici