Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Case della Salute – Giurlani (UNCEM): “Nessuna chiusura per i piccoli ospedali”

Oreste Giurlani (UNCEM) sulle Case della Salute Oreste Giurlani (UNCEM) sulle Case della Salute

Il Presidente di UNCEM Toscana Oreste Giurlani interviene sulle Case della Salute

AGIPRESS - Firenze - “Le case della salute sono un nuovo modello per l’accesso all’assistenza sanitaria del cittadino, che non comprometterà affatto i piccoli ospedali compresi quelli montani, anzi, con la Regione l’intenzione è proprio quella di potenziarli costruendo insieme ai Sindaci nuovi modelli che rispondano sempre di più, e meglio, alle esigenze territoriali e al sistema di rete ospedaliera. Per fare questo, con i Sindaci e la Regione siamo al lavoro per la definizione di veri e propri “Patti Territoriali”.

È questo il commento del Presidente di UNCEM Toscana (Unione naz. Comuni Enti Montani) Oreste Giurlani a seguito della delibera presentata dall’assessore al diritto alla salute Luigi Marroni e approvata dalla Giunta regionale che stanzia 8,2 milioni per avviare e implementare 54 Case della Salute su tutto il territorio toscano. La cifra verrà distribuita tra le 12 aziende sanitarie toscane in due tranche: il 75% al momento della comunicazione di avvio degli interventi previsti, il 25% a realizzazione avvenuta.

“Le case della Salute – aggiunge Giurlani – saranno un’ottima iniziativa per la montagna toscana, dato che molti dei Comuni in cui verrà realizzata sono montani, e vedrà l’integrazione di medici di famiglia, specialisti e famiglie con una presa in carico globale del cittadino sul territorio”.

L’intervento rientra nel più ampio programma di riorganizzazione del sistema sanitario toscano, avviato con la delibera di fine 2012: un programma che punta molto sul potenziamento dell’assistenza sul territorio, assegnando un ruolo chiave ai medici di medicina generale e rafforzando tutte quelle modalità assistenziali extra-ospedaliere che, tra l’altro, hanno il vantaggio di evitare ricoveri impropri e alleggerire dunque la pressione sugli ospedali

La Casa della Salute è un unico edificio (o una porzione) che ospita un team multidisciplinare, formato da medici di famiglia, infermieri, specialisti, personale sociale e amministrativo. Alla luce del decreto Balduzzi (DL 158/2012) e dell’accordo integrativo regionale con la medicina generale, la Casa della Salute si identifica con l’Unità Complessa di Cure Primarie (UCCP). Le Case della Salute sono aperte 7 giorni su 7, per 12 ore, dalle 8 alle 20. In alcune, si sperimenterà l’apertura per 16 ore, dalle 8 alle 24.

Agipress

Ultima modifica ilMartedì, 07 Maggio 2013 09:38
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici