Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

AMBIENTE - FIRENZE- Allium victorialis: nuova straordinaria scoperta nel Parco Nazionale delle foreste casentinesi

Allium victorialis nel Parco delle casentinesi Allium victorialis nel Parco delle casentinesi

Confermata una segnalazione di alcuni anni fa: le Foreste Casentinesi unica stazione appenninica di aglio serpentino

   

AGIPRESS - Alle pendici del Monte Falterona, in territorio del Comune di San Godenzo (FI), è stata scoperta la presenza di una pianta erbacea diffusa dai Pirenei fino agli Urali, ma mai precedentemente rinvenuta sulle montagne degli Appennini: l’Allium victorialis, comunemente nota come aglio serpentino o vittoriale, dalla tipica infiorescenza bianco-gialla e quasi sferica. Il cospicuo gruppo, di una ventina di esemplari, è stato osservato ai margini di una faggeta, accanto ad altre specie molto rare di viola e primula.

Questa geofita bulbosa della famiglia delle Liliacee è solita popolare pascoli e cespuglieti a quote variabili dai 1500 ai 2500 metri di altitudine, e in Italia era stata osservata finora soltanto lungo l’arco alpino, con una distribuzione generalmente molto rarefatta. Unica eccezione è quella di una maggiore diffusione limitata ad alcune stazioni delle Alpi orientali.

“Tuttora non risultano altre segnalazioni appenniniche, perciò il reperto in questione è da considerarsi il più meridionale in territorio nazionale, confermando anche la notevole disgiunzione dell'areale di questa specie”, ha dichiarato l’autore della scoperta Ivano Togni, Consigliere del Parco ed esponente di spicco del WWF Cesena, e che già alcuni anni fa, in un’altra remota zona del Parco nazionale, aveva rinvenuto una stazione della stessa pianta, seppur più esigua, segnalandone la presenza nel Quaderno di Studi e Notizie di Storia Naturale della Romagna.

Giorgio Boscagli e Luca Santini, rispettivamente Direttore e Presidente dell’Ente Parco, hanno voluto ringraziare personalmente Togni, esprimendo grande entusiasmo per l’eccezionalità di un tale rinvenimento: 

“una scoperta che riconferma  l’immenso valore naturalistico del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, e che sottolinea ancora una volta come la Natura del Parco stia continuando e continuerà a riservarci straordinarie sorprese”.

Agipress

Ultima modifica ilLunedì, 21 Agosto 2017 13:09
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici