Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

ALZHEIMER – AIMA Firenze su fatto di cronaca di Massarosa

Presidente AIMA Firenze Manlio Matera Presidente AIMA Firenze Manlio Matera

Manlio Matera: "Rete sociale contro isolamento delle famiglie"

AGIPRESS - FIRENZE - "Non pensiamo di accendere i riflettori sull'Alzheimer quando la cronaca ci racconta un fatto drammatico come quello di Massarosa, ma sentiamo di avere il dovere di fermarci a riflettere sulle cause che lo hanno determinato, o quanto meno favorito, per capire se è possibile e come fare prevenzione". Così il Presidente di AIMA Firenze (Associaz. Italiana Malattia di Alzheimer) Manlio Matera dopo il caso di cronaca che vede un anziano 84enne essere accusato di tentato omicidio per avere colpito a martellate la moglie, da tempo malata di Alzheimer, di 82 anni nella loro abitazione di Stiava, frazione del comune di Massarosa. 

"Ormai è nota a tutti, operatori e responsabili della rete dei servizi sociosanitari, personalità politico-sanitarie e cittadini - aggiunge Matera - la devastazione prodotta in una famiglia dalla malattia di Alzheimer, per il progressivo deterioramento delle facoltà cognitive e dell'autonomia della persona colpita, il lungo decorso della malattia, le ripercussioni sulla  qualità di vita del nucleo familiare, impegnato in un lavoro di cura che non vede pause. Nella maggior parte dei casi è un familiare a farsi carico principalmente dell'assistenza, arrivando a trascurare, non solo la propria vita sociale, ma addirittura la propria salute. Eppure, proprio nella nostra Regione - continua Matera - dove si cerca con un impegno più che decennale di sviluppare servizi che possano essere sempre più rispondenti ai bisogni delle persone anziane non autosufficienti e dove ci si vanta di avere una rete sociale che fa invidia ad altre regioni, non si riesce ad intercettare per tempo un caso di sofferenza e disperazione come questo di Massarosa. E questo ci fa pensare".

"Forse le persone coinvolte non hanno ritenuto utile chiedere aiuto o forse lo hanno fatto, ma non hanno ricevuto una risposta efficace. Può essere successo, come talvolta accade, che la sofferenza e il bisogno si siano perduti nella burocrazia, nei tempi lunghi, nei cavilli dell'ISEE, nelle liste di attesa, in parte dipendenti dalla scarsità delle risorse. Forse, se l'AIMA avesse avuto la possibilità di affiancare la famiglia, si sarebbero potute usare meglio tutte le risorse disponibili. E forse no. Ma, per questo, costruire una effettiva integrazione dell'AIMA con la rete dei servizi pubblici sarebbe un obiettivo concreto da perseguire. Perché per sostenere la famiglia in condizioni di criticità è necessaria una adeguata e solida 'rete sociale' che veda servizi e associazioni sempre più integrati”. “L’AIMA  - chiude Matera - esprime vicinanza alle famiglie che vivono il disagio della malattia di Alzheimer e conferma la disponibilità attraverso le proprie competenze e professionalità per lo sviluppo della rete di sostegno necessaria a garantire interventi sanitari tempestivi ed appropriati per tutti i malati”. Per info tel. 055-433187, www.aimafirenze.it, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Numero verde per la Regione Toscana: 800 900 136.

Agipress

Ultima modifica ilMartedì, 24 Maggio 2016 11:44
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici