Menu
Lotta ai tumori, al via il progetto Umberto

Lotta ai tumori, al via i…

Una Piattaforma cong...

Italia in balìa della crisi climatica, allarme piogge abbondanti al sud e fiume Po ridotto a torrente

Italia in balìa della cri…

Il Meridione ha baci...

6 dipendenti su 10 della PA a rischio burnout

6 dipendenti su 10 della …

Una ricerca rivela c...

Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

SCIENZA - L’asimmetria dentale ha effetti sulle aree del cervello associate alla memoria

SCIENZA - L’asimmetria de…

Può causare malattie...

Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Alzheimer, 21 settembre giornata mondiale. Colloqui gratuiti via web di AIMA nazionale

Alzheimer, 21 settembre giornata mondiale. Colloqui gratuiti in via web di AIMA nazionale Alzheimer, 21 settembre giornata mondiale. Colloqui gratuiti in via web di AIMA nazionale

La prognosi media della mattia di Alzheimer è di 12 anni e le persone coinvolte nell’assistenza sono 3 milioni.

AGIPRESS - MILANO - “Abbiamo bisogno di gente qualificata che ci aiuti. Io assisto da due anni mia suocera che ha la demenza senile e non ce la faccio più.” Questa una delle 10mila richieste di aiuto che giungono ogni anno dai caregiver alla Linea Verde di AIMA nazionale - Associazione Italiana Malattia di Alzheimer - che in occasione della Giornata Mondiale Alzheimer del 21 settembre potenzierà il servizio. Una squadra di 10 psicologi sarà a disposizione per offrire colloqui gratuiti ai caregiver e alle famiglie dei pazienti colpiti dalla malattia di Alzheimer e da altre demenze degenerative. I colloqui gratuiti si svolgeranno in streaming dalle 9 alle 21 e avranno una durata di 45 minuti. Fino a martedì 20 settembre è possibile prenotare gli appuntamenti con gli psicologi chiamando la Linea Verde Alzheimer al numero 800 679 679 o scrivendo una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., indicando l’orario in cui si desidera svolgere l’incontro e la località nella quale si vive. Il servizio è totalmente gratuito, garantisce il completo anonimato e attraverso operatori qualificati e competenti offre supporto psicologico, informazioni di carattere medico, chiarimenti legali e consigli per la cura quotidiana. Aperta nel 1997, la Linea Verde ha raccolto fino a oggi più di 200mila chiamate e risponde ogni anno a 10mila telefonate per una media di 600 ore di conversazione.

In Italia si stima che i nuovi casi di demenza siano circa 150mila ogni anno: poiché la malattia di Alzheimer costituisce almeno il 60% di tutte le forme di demenza, i nuovi malati in Italia sono 70mila ogni anno. Attualmente sono circa 600mila e per quasi tutta la durata della malattia sono curati a casa. Secondo una ricerca realizzata da AIMA e Censis nel 2016, il costo medio annuo per paziente stimato, comprensivo dei costi diretti e indiretti, è di oltre 70mila euro e la maggior parte è a carico delle famiglie. La storia di Paola, quarta di sei figli, che si occupa della madre malata, racconta proprio questo problema: “È proprio vero che una mamma alleva dieci figli, ma dieci figli non mantengono una mamma. Noi siamo sei fratelli, ma gli unici ad occuparci di lei siamo io e un fratello. Cara grazia se gli altri ogni tanto ci danno un po’ di soldi ora che è ricoverata in RSA”.

La prognosi media della malattia di Alzheimer è di 12 anni e le persone coinvolte nell’assistenza sono 3 milioni, soprattutto donne. L’esperienza di Giustina spiega quanto il peso della malattia sulle donne sia ingente: “Mia madre si è ammalata all’età di 75 anni. Dopo quattro anni, non era più in grado di stare a casa da sola. Andavo da lei di giorno, poi anche la notte lasciando i miei figli adolescenti. Poi non riuscivo più a gestire le due case per cui siamo stati tutti insieme con la mamma, passando tutto il calvario della sua malattia, le notti insonni. Quest’anno è stata male e ho dovuto trasferirla in una residenza definitiva”. “All’interno delle famiglie dei malati si consumano veri e propri drammi ai quali il nostro sistema di welfare non riesce ancora a dare risposte soddisfacenti - ha dichiarato Patrizia Spadin, fondatrice e presidente di AIMA. Abbiamo la necessità di una strategia nazionale che consenta di affrontare la malattia, soprattutto perché lo scenario è destinato ad aggravarsi nei prossimi anni anche a causa del processo di invecchiamento della popolazione italiana. Per questo AIMA e Società Italiana di Neurologia (SIN) hanno elaborato il documento ‘7 buoni motivi e 7 buone proposte per non dimenticare l’Alzheimer’” ha concluso Patrizia Spadin.

La Giornata Mondiale Alzheimer - Istituita nel 1994 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la Giornata Mondiale Alzheimer ricorre ogni anno il 21 settembre con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza dell’opinione pubblica intorno a questa grave malattia che nel mondo colpisce circa 40 milioni di persone.

AGIPRESS

Ultima modifica ilMercoledì, 21 Settembre 2022 15:55
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici