Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

A San Miniato apre primo mattatoio regionale per macellazione rituale, Animalisti Italiani protestano

Animalisti Italiani protestano. Foto Animalisti.it Animalisti Italiani protestano. Foto Animalisti.it

Prevista una grande manifestazione per impedirne l'inaugurazione

AGIPRESS - FIRENZE - L'Associazione “Animalisti Italiani Onlus” www.animalisti.it con formale comunicazione ha provveduto nei giorni scorsi a diffidare il Sindaco di San Miniato (PI) affinché non permetta l'apertura di un mattatoio per la macellazione rituale, tenuto conto che la legge Toscana la vieta espressamente e che la struttura non ha tutte le autorizzazioni sanitarie necessarie.

LA DIFFIDA si riferisce all'annuncio che prevede per il prossimo 14 settembre l'inaugurazione a San Miniato (PI) della macelleria regionale per la produzione di carne islamica secondo riti che prevedono la macellazione degli animali senza preventiva uccisione. Un metodo - si legge in una nota - in cui gli animali vengono dissanguati vivi e sentono il gelo e la morte arrivare morendo tra infinite sofferenze. La legge italiana nel rispetto degli animali prevede l'uccisione con un colpo secco o lo stordimento prima di procedere al dissanguamento ed espressamente specifica all'articolo 3 del Decreto Legislativo 333/1998  “Le operazioni di trasferimento, stabulazione, immobilizzazione, stordimento, macellazione e abbattimento devono essere condotte in modo tale da risparmiare agli animali eccitazioni, dolori e sofferenze evitabili”, la stessa Legge all'articolo 5 deroga per la macellazione rituale i cui mattatoi devono rispettare specifiche condizioni sanitarie e restrizioni e possono esercitare solo dopo aver acquisito le autorizzazioni ministeriali.  

“L'associazione - dichiara Walter Caporale, Presidente Associazione “Animalisti Italiani Onlus” - ha inviato una diffida formale alla ASL e al Sindaco, che rappresenta la massima autorità sanitaria sul territorio comunale ed ha il potere con tempestivo intervento di vietare l'inaugurazione del mattatoio. L'auspicio è di essere ascoltati e che arrivi un divieto assoluto all'apertura di questa attività, non solo per le carenti autorizzazioni sanitarie, ma nel rispetto della Legge regionale che ne vieta l'esistenza. L'augurio è che la nostra missiva abbia buon fine altrimenti siamo pronti ad organizzare per domenica 14 settembre 2014 la più grande manifestazione contro l'arroganza e gli affaristi che in nome di una falsa integrazione violano le leggi italiane e procurano ingiuste sofferenze". 

Agipress

Ultima modifica ilGiovedì, 04 Settembre 2014 15:40
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici