Menu
Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

SCIENZA - L’asimmetria dentale ha effetti sulle aree del cervello associate alla memoria

SCIENZA - L’asimmetria de…

Può causare malattie...

Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

TOSCANA - 150 posti letto pronti per Covid se necessario nel nuovo Blocco F padiglione DEAS Careggi

150 posti letto pronti per Covid se necessario nel nuovo Blocco F padiglione DEAS Careggi 150 posti letto pronti per Covid se necessario nel nuovo Blocco F padiglione DEAS Careggi

Realizzato in quattro anni, adeguando il progetto alle esigenze assistenziali della pandemia da Covid-19.

AGIPRESS - FIRENZE - Due raparti di degenza medica e un edificio di quasi 10mila metri quadri su 6 livelli. Il nuovo nuovo Blocco F dell’Azienda Ospedaliero–Universitaria Careggi di Firenze è già attivo. E' stato realizzato in quattro anni, adeguando il progetto alle esigenze assistenziali della pandemia da Covid-19. La nuova opera, che completa il padiglione 12 DEAS sul viale San Luca, nella parte interna dell’area ospedaliera, rappresenta la fase conclusiva della costruzione del Nuovo Careggi come ultima ala di una gigantesca struttura che ospita, fra le attività più rilevanti, il Trauma Center, vari blocchi operatori, le cardiochirurgie e le terapie intensive del trauma. “Da oggi all’ospedale universitario di Careggi ci sono 150 posti Covid in più. Di questi 42 posti per terapia semi intensiva, 46 per intensiva, il resto di posti letto normali. E’ un fatto molto importante perché la Toscana si prepara sempre di più ad accogliere e gestire la degenza di chi vive la progressività della malattia da Covid. Ci prepariamo a qualcosa che potrebbe succedere, anche se ci auguriamo che questi posti restino vuoti. Il livello di contagio è sempre alto e ci stiamo comunque attrezzando ed implementando le nostre difese”. A dirlo il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani nella visita alla nuova struttura di Careggi. “La gestione commissariale  - ha aggiunto il presidente - ci ha fatto i complimenti per il lavoro svolto dall’ufficio tecnico dell’Azienda ospedaliera universitaria di Careggi, per come sono stati attrezzate queste postazioni. Tutto il lavoro è stato fatto nel periodo della pandemia. Questa struttura potrà offrire ora una risposta alle esigenze della lotta al Covid, un domani sarà una risorsa in più a disposizione della sanità toscana. Ringrazio tutti coloro che si sono adoperati a tutti i livelli per rendere questo possibile, dalla direzione generale di Careggi, ai progettisti, ai costruttori, agli operatori sanitari che vi lavoreranno e gestiranno questi spazi. La nascita di questa struttura dimostra che anche in condizioni difficili la nostra organizzazione è in grado di lavorare”.

IL NUOVO BLOCCO F rende attualmente disponibili oltre 150 nuovi posti letto, 35 al piano terra dedicati alle degenze del trauma, 24 di terapia intensiva e sub intensiva neurochirurgica pronti a supporto della Neurochirurgia che sarà trasferita dal padiglione CTO a completamento dei percorsi assistenziali del Trauma Center. Il secondo piano, in fase di allestimento ospiterà le attività di Ematologia e Trapianto di midollo osseo con 23 posti letto in stanze singole, attrezzate per l’isolamento dei pazienti leucemici. Al terzo piano sono già trasferite le Medicine Interne e d’urgenza con 35 letti complessivi, già trasferiti anche gli altri 35 posti letto del reparto di degenza ordinaria di area medica. A questi si aggiungono il primo e il quarto piano che potranno essere, in caso di necessità, dedicati a reparti Covid con letti ordinari e terapie intensive.

PROGRAMMAZIONE E INVESTIMENTO - Il nuovo Blocco F è stato realizzato con un investimento complessivo di circa 26 milioni di euro da fondi regionali, aziendali, ministeriali e dal Decreto Rilancio del 2020 è stato realizzato da NBI del Gruppo Webuild. L’appaltatore, già impegnato nella costruzione delle precedenti aree del Padiglione 12 DEAS è una realtà multinazionale con esperienza nella realizzazione di altre 150 strutture sanitarie nel Mondo: Europa, Medio Oriente, Sud America, Africa e Asia. Il progetto è stato adeguato in corso d’opera alle nuove esigenze assistenziali emerse a causa della Pandemia. In caso di necessità il Blocco F è strutturato e attrezzato per diventare ospedale Covid con aree isolate dalle altre attività, sul modello del primo Covid Center nato a Careggi dalla riconversione del vecchio padiglione delle Cliniche Chirurgiche, fino ad oggi principale riferimento della rete ospedaliera regionale e dell’area metropolitana fiorentina per l’assistenza nel corso delle ondate pandemiche.

Le due strutture sono entrambe pronte per essere attivate in configurazione Covid Center in caso di massiccia ondata pandemica, con l’intento di fronteggiare improvvisi incrementi dei ricoveri per Covid-19, ma soprattutto di consentire, per quanto possibile, al resto dell’Ospedale di proseguire con la programmazione ordinaria delle altre attività sanitarie. Per questo le degenze ordinarie del Nuovo Blocco F sono state concepite come reparti di terapia subintensiva. Gli impianti di adduzione dei gas medicali sono stati progettati, come portata e ricambi d’aria, per garantire flessibilità e capacità di ventilazione ai pazienti in tutti i percorsi sanitari all’interno del nuovo blocco. Le linee dati sono state potenziate, in termini di capacità di trasmissione e prese dati, per garantire l’attivazione del monitoraggio a distanza della maggior parte dei pazienti.

CANTIERE IN PANDEMIA - I lavori del Blocco F sono partiti nel 2018 poco prima dell’inizio della pandemia e si sono conclusi nel 2021. Un impegno difficile e complesso dell’Area Tecnica di Careggi e delle ditte coinvolte, per il rispetto dei tempi, per le difficoltà di reperimento dei materiali a causa dell’emergenza mondiale causata del Covid e per gli interventi necessari a fronteggiare al meglio le nuove esigenze assistenziali imposte, in corso d’opera, dal virus e dalle sue mutazioni. Per questo sono stati eseguiti lavori di potenziamento di vari impianti e in particolare dei sistemi di climatizzazione e trattamento dell’aria, con una variante al progetto originale che ha coinciso con la prima ondata Covid. Un gigantesco cantiere che si è fermato soltanto per meno di due mesi nel 2020 a causa del lockdown generale. Un cantiere al centro dell’area sanitaria in piena attività del più grande ospedale Covid del centro Italia e per questo soggetto anche i rigorosi vincoli sul rispetto delle procedure di sicurezza per la prevenzione del Coronavirus.

Dal punto di vista tecnico il Blocco F del DEAS costituisce il completamento dell'esteso intervento di riorganizzazione e ampliamento delle Chirurgie generali in attuazione dell’art. 20 della L. 67/88, programma straordinario di ristrutturazione edilizia e di ammodernamento tecnologico del patrimonio sanitario pubblico. E’ stato realizzato a seguito dei provvedimenti della direttore generale n. 63 del 25/01/2018, n. 40 in data 21-01-2020, n. 541 in data 23-10-2020 con i quali sono stati affidati all’ATI aggiudicataria dell’appalto principale, ai sensi dell’art. 57, comma 5, lettera a) del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i., i lavori complementari relativi alla realizzazione dell’opera. AGIPRESS

Ultima modifica ilVenerdì, 07 Gennaio 2022 18:32
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici