Logo
Stampa questa pagina

Sostenibilità - Prodotti, Progetti, Esperienze, al via “Terra Futura” a Firenze

Terra Futura a Firenze dal 17 al 19 maggio Terra Futura a Firenze dal 17 al 19 maggio

Ritorna Terra Futura alla Fortezza da Basso di Firenze, da domani 17 maggio al 19

AGIPRESS - Firenze - Inizia domani “Terra Futura” la mostra convegno delle buone pratiche di sostenibilità. Durerà fino a domenica 19 maggio, e si terrà alla alla Fortezza da Basso a Firenze, in mostra c’è l’Italia sostenibile. Progetti, esperienze, prodotti, campagne per raccontare il cambiamento possibile e già cominciato: quello non solo auspicato per garantire un futuro al Pianeta su un piano ambientale, ma ora indicato come obbligatorio per costruire un sistema economico e sociale diverso, oltre la crisi.  Dal kit per realizzare piccoli orti su terrazzi urbani ai prodotti ecologici per mamme e bambini, dal “dog bar” dove gli amici a quattro zampe possono rifocillarsi con acqua e snack 100% vegetali alla creperia vegana itinerante che sostiene e promuove progetti umanitari in India; e ancora, il “free duck”, un quadriciclo elettrico leggero, e il risciò a quattro posti che partirà da Terra Futura per un viaggio “slow travel” verso Roma. Spazio anche ai cosmetici naturali provenienti da un centro contro lo sfruttamento minorile del Benin, alle scarpe ecologiche in canapa e sughero a filiera corta, alla linea di biancheria in fibra di bambù e amido vegetale, fino agli oggetti di ecodesign per l’arredamento. Sono solo alcune delle curiosità presenti alla mostra convegno internazionale delle buone pratiche di sostenibilità ambientale, economica e sociale, promossa e organizzata da Fondazione culturale Responsabilità Etica per il sistema Banca Etica, Regione Toscana e Adescoop-Agenzia dell’Economia Sociale, in partnership con Acli, Arci, Caritas Italiana, Cisl, Fiera delle Utopie Concrete e Legambiente.

Presenti anche realtà e progetti che promuovo la legalità e lottano contro le mafie: come la cooperativa sociale Giovani in Vita che offre opportunità di lavoro per il recupero di soggetti svantaggiati, riconvertendo i terreni confiscati alla ’ndrangheta all’agricoltura biologica; stessa “riconversione” anche per i terreni (già della mafia) ad opera della cooperativa Sicilia Vostra, che commercia i propri prodotti attraverso i GAS. E anche Equosud (Gallico, Rc), nato come un movimento popolare di difesa del territorio e diventato oggi un progetto per difendere il lavoro onesto dalle dinamiche del ricatto clientelarmafioso, e Nuova Cooperazione Organizzata, un consorzio di cooperative sociali che sul territorio campano utilizza beni e terreni confiscati alla camorra. 

L’evento propone anche un fitto programma culturale, con oltre 200 appuntamenti tra seminari, dibattiti e convegni con più di 800 esperti e testimoni dei diversi ambiti; e ancora numerosi workshop e laboratori. L’ingresso è libero

Agipress

Ultima modifica ilGiovedì, 16 Maggio 2013 17:22

Articoli correlati (da tag)

Ultimi da Davide Lacangellera

Agenzia di Stampa AGIPRESS - Iscr. Trib. nº2352 Dir.Resp. Davide Lacangellera
© Toscana Press. Tutti i diritti riservati. PI: 06302680480 - Viale Giacomo Matteotti 25, 50121 Firenze