Menu
Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

SCIENZA - L’asimmetria dentale ha effetti sulle aree del cervello associate alla memoria

SCIENZA - L’asimmetria de…

Può causare malattie...

Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Petrolio, non ce ne libereremo facilmente. L'analisi.

Petrolio, non ce ne libereremo facilmente. L'analisi. Petrolio, non ce ne libereremo facilmente. L'analisi.

Il punto di vista dell'analista Mirko Giordani.

(AGIPRESS) - E’ di questi giorni la notizia che Warren Buffett, CEO di Berkshire Hathaway, chiamato anche “l’oracolo di Omaha”, abbia in portafoglio anche le azioni di una super oil major americana, la Chevron. Sul tema è intervenuto l'analista Mirko Giordani, fondatore e CEO di Prelia, società che si occupa di rischio politico ed intelligence strategica. "Lasciando per un attimo da parte le valutazioni finanziarie dell’operazione - spiega l'analista - il fatto che un big della finanza come Buffett abbia investito così tanto in una compagnia petrolifera è un messaggio non solo economico, ma anche e soprattutto politico, e suona un po’ così: non ci libereremo facilmente dei carbon fossili. Warren Buffett non fa speculazione, ma investe, cerca valore e lo cerca nel lungo termine. Non compra e vende un’azione pensando ai rendimenti giornalieri, ma ai rendimenti da qui ai prossimi 10-20-30 anni. Secondo Buffett, quindi, l’industria degli idrocarburi continuerà ad esserci e a portare ricchezza agli azionisti. Qualcuno di voi potrebbe obiettare che in questo momento le grandi oil majors stanno smantellando le loro operazioni più inquinanti in favore di investimenti sostenibili. Vero, ma questo succede maggiormente in Europa, sicuramente non in America. Le big oil majors americane, e tra queste troviamo Chevron e ExxonMobil, stanno decisamente puntando su investimenti in petrolio e gas naturale. Il ragionamento che fa Mike Wirth, il CEO di Chevron, è semplice: sebbene la pandemia da COVID abbia fatto crollare la domanda mondiale, quando la tempesta passerà il mondo sarà sempre affamato di energia e la fonte più sicura saranno ancora i carbon fossili. Inoltre, dato che la popolazione da qui al 2040 aumenterà ulteriormente, ci sarà ancor più domanda di energia a basso costo. British Petroleum si trova dall’altro lato della barricata, poichè sta diminuendo la sua esposizione verso i carbon fossili e sta aumentando quella verso le fonti rinnovabili. Siccome il mercato ha sempre ragione, vedremo tra qualche anno se la decisione di Buffett sia stata saggia e quali vincitori e quali vinti avrà lasciato per strada la lotta ai cambiamenti climatici" - conclude Giordani nella sua analisi. AGIPRESS

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici