Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Montagna in ginocchio, danni ingenti all'Abetone sotto tempesta di pioggia e vento fino a 200 km/h

Montagna in ginocchio, danni ingenti all'Abetone sotto tempesta di pioggia e vento fino a 200 km/h Montagna in ginocchio, danni ingenti all'Abetone sotto tempesta di pioggia e vento fino a 200 km/h

"Situazione estrema, ancora più urgente il grido d'allarme alle istituzioni per attivare la richiesta di calamità naturale"

AGIPRESS - FIRENZE - Dopo l'inverno arrivato in ritardo, le alte temperature e l'assenza di neve, a mettere in ginocchio l'economia abetonese da questa mattina si è messa pure una tempesta di vento con raffiche anche superiori ai 200km/h che hanno investito il territorio della montagna pistoiese con danni ingenti anche sulle piste: cannoni sparaneve rovesciati e reti  di protezione strappate, tra le altre cose. Questi sono i danni visibili a valle, mentre per ora il crinale è ancora inaccessibile. A tutto ciò  si deve aggiungere la pioggia, caduta intensamente a partire da  sabato. Le forti precipitazione hanno portato via tra l'altro tutta la neve caduta la notte tra il 5 e il 6 gennaio, che aveva fatto  sperare finalmente nell'arrivo del vero inverno. “Una situazione davvero estrema - commentano  per il Consorzio AbetoneMultipass Andrea Formento e Giovanni Guarnieri – che giustifica ancora di più la nostra sollecitazione alle istituzioni affinché attivino prima possibile interventi concreti per la richiesta dello stato di calamità naturale”. Pochi  giorni fa il Consorzio  ha diffuso i bilanci dall'apertura degli impianti (28 novembre ) al 6 gennaio: Bilanci definiti da profondo rosso,  pari a soli  77.000 euro.  Basti pensare che per lo stesso periodo erano stati 1.185.000 per le festività 2012/2013, 850.000 per il 2013/2014,  soli 254.000 per il 2014/2015,  che già appariva disastroso.

Agipress

Ultima modifica ilLunedì, 11 Gennaio 2016 18:49
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici