Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

LA "GUERRA" DEI FOSSI – Il sindaco di Arezzo contro i consorzi di bonifica

Duro attacco del sindaco di Arezzo, Giuseppe Fanfani, ai consorzi di bonifica Duro attacco del sindaco di Arezzo, Giuseppe Fanfani, ai consorzi di bonifica

Fanfani all'attacco:  no al pagamento della tassa e azzeramento dei vertici

AGIPRESS – AREZZO – E' guerra aperta quella dichiarata dal sindaco di Arezzo, Giuseppe Fanfani, ai consorzi di bonifica. Per il primo cittadino i consorsi sono "territorialmente irragionevoli, politicamente inopportuni ed hanno profili di illegittimità costituzionale". Fanfani non usa mezzi termini e agisce di conseguenza. Con quattro azioni amministrative e politiche. La prima: la richiesta di sospensione delle elezioni per gli organismi dirigenti del Consorzio. "Farò una domanda formale al Presidente della Giunta Regionale. Le elezioni costeranno una cifra consistente, soprattutto in questi tempi di crisi e mentre si procede verso l'azzeramento delle province". La seconda: il Comune di Arezzo non pagherà la tassa. "Con il nostro Ufficio legale stiamo preparando l'atto di opposizione. Entreremo in causa con il Consorzio". La terza: la restituzione del "differenziale" tra quanto pagato finora dai cittadini di Arezzo e quanto ottenuto, in termini di investimenti, in questo territorio. La quarta: a casa i vertici del Consorzio. "Ancora alla Regione chiederò la revoca dell'attuale Commissario perché ha dimostrato un'evidente ostilità nei confronti del Comune di Arezzo", sottolinea Fanfani, che ricorda di essersi opposto a questo ente ancora prima della sua nascita: "Evidenziai alla Regione Toscana, in anticipo rispetto all'approvazione delle legge istitutiva, tutti i possibili rischi di questa scelta – spiega il sindaco di Arezzo -. I risultati sono stati peggiori delle previsioni"- La tassa di bonifica? "In realtà siamo di fronte ad una nuova patrimoniale, ad una sorta di Imu. E il problema non è soltanto di illegittimità formale ma anche di scelta e di strategia politica nell'utilizzazione delle risorse". Un po' di numeri? I cittadini di Arezzo hanno pagato "approssimativamente 5 milioni in 5 anni" con una contropartita di investimenti, di 1,2 milioni di euro, investimenti, reclama Fanfani, nella programmazione dei quali "nessun nostro ufficio è stato coinvolto". "Dovrebbe essere detto con chiarezza se il sistema dei consorzi di bonifica serve a sostenere il sistema delle produzioni agricole – conclude Fanfani -. Se così non è e se l'obiettivo è quello di garantire la regimazione delle acque e la sicurezza idrogeologica, allora vogliamo decidere da noi senza strutture intermedie".

 

Agipress

Ultima modifica ilVenerdì, 30 Agosto 2013 14:57
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici