Menu
Alzheimer, dalla ricerca nuove speranze

Alzheimer, dalla ricerca …

FDA approva l'antico...

Pesticidi, attenzione a quello che mangiamo

Pesticidi, attenzione a q…

Legambiente: solo il...

Lotta ai tumori, al via il progetto Umberto

Lotta ai tumori, al via i…

Una Piattaforma cong...

Italia in balìa della crisi climatica, allarme piogge abbondanti al sud e fiume Po ridotto a torrente

Italia in balìa della cri…

Il Meridione ha baci...

6 dipendenti su 10 della PA a rischio burnout

6 dipendenti su 10 della …

Una ricerca rivela c...

Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

SCIENZA - L’asimmetria dentale ha effetti sulle aree del cervello associate alla memoria

SCIENZA - L’asimmetria de…

Può causare malattie...

Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Il consumo di suolo minaccia la biodioversità

Il consumo di suolo minaccia la biodioversità Il consumo di suolo minaccia la biodioversità

WWF Italia lancia l’allarme: ad oggi 21.500 km quadrati di suolo italiano sono cementificati e solo gli edifici occupano 5.400 km quadrati, una superficie pari alla Liguria.

AGIPRESS - Il suolo garantisce servizi ecosistemici fondamentali per la nostra vita, la nostra sicurezza e lo sviluppo della nostra economia: eppure il Rapporto ISPRA 2022 sul consumo del suolo evidenzia come in Italia continuiamo a perdere 2 metri quadri di suolo al secondo. Nel 2021 la media è stata di 19 ettari di suolo persi al giorno, vale a dire il valore più alto degli ultimi 10 anni. Nella giornata mondiale del suolo, il 5 dicembre, il WWF Italia lancia l’allarme: ad oggi 21.500 km quadrati di suolo italiano sono cementificati e solo gli edifici occupano 5.400 km quadrati, una superficie pari alla Liguria. Dalle produzioni agricole a quella del legname, dallo stoccaggio di carbonio al controllo dell’erosione, dall’impollinazione alla regolazione del microclima, dalla rimozione di particolato e ozono alla disponibilità e purificazione dell’acqua fino alla regolazione del ciclo idrologico, sono molteplici i servizi offerto dallo strato superficiale del pianeta.  Nonostante queste funzioni importantissime, il suolo continua ad essere invaso, impermeabilizzato e cementificato a livelli impressionanti, tanto che il suo consumo viene considerato uno dei fenomeni più preoccupanti dei paesi sviluppati e, in particolare, del nostro. Come evidenziato nel Rapporto, il suolo perso in Italia dal 2012 ad oggi avrebbe garantito l’infiltrazione di oltre 360 milioni di metri cubi di acqua piovana che, restando sulle superfici impermeabilizzate da asfalto e cemento, non sono più disponibili per la ricarica delle falde, aggravando anche la pericolosità idraulica dei nostri territori che dal 2000 al 2019 ha causato 438 morti in Italia (Fonte CNR-Irpi). 

“L’Italia è un paese fragile: oltre il 16% del territorio è in aree ad elevato rischio idrogeologico e sono 6 milioni le persone interessate, che cioè vivono in aree di potenziale rischio. Per non ripetere altri drammi come quello di Ischia, l’ultima cosa che dobbiamo fare è continuare a costruire. Invece i dati ufficiali ci dicono che nel 2021 abbiamo raggiunto il picco di cementificazione del territorio degli ultimi 10 anni” ha dichiarato Luciano Di Tizio, Presidente WWF Italia. La distruzione dei suoli ha un impatto diretto sulla biodiversità. Ma non solo: il consumo di suolo comporta la distruzione e la frammentazione degli habitat naturali, con effetti significativi anche sulle specie. Mentre la distruzione degli habitat causata dal consumo di suolo ha un effetto diretto e immediatamente visibile, la frammentazione è meno evidente, ma non per questo meno grave, con effetti che possono manifestarsi in un tempo mediamente più lungo. 

Sempre secondo il Rapporto ISPRA del 2022, quasi il 45% del territorio nazionale risulta classificato in zone a elevata o molto elevata frammentazione. Tale processo contribuisce a rendere elevato il tasso di estinzione a scala globale, tanto che la frammentazione degli ambienti naturali è ritenuta tra le principali minacce alla diversità biologica. Riduce infatti la mobilità delle specie e lo scambio genetico, intaccando nel medio-lungo termine la vitalità delle popolazioni naturali e rendendole più suscettibili agli effetti negativi dei fenomeni locali.  Il tutto, peraltro, in un momento storico in cui il riscaldamento globale porta le specie a spostarsi per cercare condizioni fisico-chimiche migliori: spostamenti che però, in presenza della frammentazione, diventano più difficili, se non impossibili. 

Contestualmente, l’elevata frammentazione indotta dal consumo di suolo amplifica la superficie di contatto tra ambienti naturali e opere di natura antropica: la fittissima rete infrastrutturale fatta di strade, autostrade e ferrovie ad esempio, si traduce nell’aumento significativo della mortalità della fauna causata dagli impatti con i veicoli, che a volte provocano gravi danni anche alle persone. Il consumo di suolo e la frammentazione che ne consegue, inoltre, vanno a indebolire anche l’efficacia del principale strumento di tutela della natura di cui le società moderne si sono dotate: le aree protette. Se ridotte a isole immerse in un mare di infrastrutture di natura antropica, i parchi non sono in grado nel lungo periodo di svolgere il ruolo per cui sono state designate: preservare la biodiversità. La frammentazione deve essere ridotta sia attraverso un’integrazione degli strumenti di pianificazione urbanistica e infrastrutturale con le reti ecologiche, sia con interventi di ripristino della naturalità di tanti ambienti che appaiono oggi degradati, in modo che, una volta inclusi all’interno di un sistema di connessione, possano svolgere il loro ruolo in modo efficace. Fermare il consumo di suolo è un’esigenza primaria. In Italia si discute senza successo di una legge sul consumo del suolo dal 2012. Il WWF Italia sostiene da sempre questa esigenza che oggi è ancora più urgente visto che la Commissione Europea nel 2021 ha approvato la nuova “Strategia europea per il suolo al 2030” impegnandosi a promuovere una Direttiva sul tema entro il 2023. AGIPRESS

 

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici