Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

GREEN ECONOMY - A Levane il primo impianto di cogenerazione

Il taglio del nastro a Levane (Montevarchi) del nuovo impiando di cogenerazione che produce energia pulita Il taglio del nastro a Levane (Montevarchi) del nuovo impiando di cogenerazione che produce energia pulita

Alla base la "filiera" bosco-legna-energia e la sostenibilità ambientale. Il progetto prevede una rete di impianti a biomasse in tutta la Toscana

AGIPRESS – MONTEVARCHI (AREZZO) - Un impianto di cogenerazione è stato inaugurato stamani a Levane, nel comune di Montevarchi (Arezzo), alla presenza del presidente della' Provincia, Roberto Vasai, del sindaco, Francesco Maria Grasso, del Presidente di Uncem Toscana, Oreste Giurlani, e dell'assessore regionale al'agricoltura, Gianni Salvadori. La centrale di Levane di “Montevarchi Energie”, è stata realizzata grazie a Terra Uomini e Ambiente (cooperativa agricolo-forestale), Massoni P&M (impresa forestale) e Futuris (società di Milano che si occupa di impianti a biomasse), un raggruppamento di imprese che rappresenta un progetto integrato di filiera (competenze dei produttori forestali e innovazione tecnologica).

La “filiera” - La centrale di cogenerazione a biomassa solida è basata sulla tecnologia “ORC” e fonda le sue radici nella nuova politica di promozione della filiera bosco-legno-energia e sostenibilità ambientale ed economica di una rete di impianti a biomasse legnose della potenza inferiore ad 1 MW elettrico, promossa dalla Regione Toscana in collaborazione con Uncem Toscana.

Caratteristiche dell'impianto - L’impianto si compone di stoccaggio della biomassa, sistema a griglia per la combustione, generatore di calore a recupero ad olio diatermico, ciclone e filtro a maniche per la depurazione fumi, sistema di monitoraggio in continuo delle emissioni, sistema automatico di regolazione e controllo. Il presidio e la conduzione sono garantiti da personale formato ed addestrato allo scopo. L’impianto ha una potenza elettrica lorda di 999KW, una potenza massima di teleriscaldamento di 3957 kW, 8000 ore annue di esercizio previsto e una produzione prevista di oltre 7 milioni di kWh, pari al consumo medio di 2400 famiglie. L'impianto si è potuto realizzare grazie al contributo dalla Regione Toscana e al finanziamento di MPS Capital Services Banca per le Imprese SpA.

I commenti - “Questi impianti devono rispondere ad una caratteristica assolutamente imprescindibile, ossia non devono nuocere alla salute e all’ambiente; a questo sono preposti i monitoraggi costanti sulle emissioni – è stato il commento dell'assessore regionale Gianni Salvatori - . Questo impianti rimangono elementi decisivi per tutelare l’ambiente ed i nostri figli: se vogliamo essere coerenti con questo assunto dobbiamo proseguire in questa direzione”. “Con questi impianti si intende non solo trovare alternative al petrolio e quindi tutelare ambiente e futuro, ma anche dare una prospettiva alla montagna, al bosco e alla filiera produttiva ad esso legata – ha aggiunto il presidente di Uncem Toscana, Oreste Giurlani -. Un’opportunità, dunque, da non perdere”.

Agipress

Ultima modifica ilVenerdì, 17 Gennaio 2014 12:31

Video

Inaugurazione centrale a biomasse legnose Montevarchi - Arezzo. Assessore regionale Agricoltura e foreste Gianni Salvadori - Agipress
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici