Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

COSTA CONCORDIA - Realacci: bisogna accelerare i tempi della rimozione

Destano ancora forti preoccupazioni i ritardi nella rimozione del relitto della Costa Concordia al Giglio Destano ancora forti preoccupazioni i ritardi nella rimozione del relitto della Costa Concordia al Giglio

Interrogazione al sottosegretario all’ambiente. “Un ulteriore rinvio metterebbe a rischio l’intera operazione”

AGIPRESS – ROMA – “Il rinvio delle attività di messa in asse della Concordia alla primavera 2014 metterebbe a serio rischio la conclusione positiva dell’intera operazione di rimozione”. E’ con queste parole che Ermete Realacci, presidente della Commissione ambiente territorio e lavori pubblici della Camera, mette in guardia da un esito disastroso dell’operazione recupero del relitto. Realacci, infatti, insieme alle deputate Mariani e Mannino ha presentato un’interrogazione al sottosegretario all’Ambiente, Marco Flavio Cirillo, che ha risposto in VIII Commissione ambiente della Camera sui ritardi nei lavori di recupero e smaltimento del relitto della Costa Concordia della acque del Giglio, nonché sulle condizioni ambientali dell’Isola e sulla questione del porto di destinazione finale della Concordia. “A un anno e mezzo dal tragico incidente in cui persero la vita 32 persone il relitto si trova ancora di fronte a Giglio Porto, i lavori per la sua rimozione in sicurezza non procedono con  il ‘timing’ inizialmente previsto”, commenta Realacci. Che aggiunge: “Bisogna quindi fare presto. La priorità ora è raddrizzare e rimuovere il relitto della Costa Concordia prima del prossimo inverno. Qualora inoltre non fossero sufficienti i 500 milioni di dollari stanziati dalla Costa Crociere per il recupero e la rimozione in sicurezza del relitto – conclude Realacci -, è comunque necessario che le risorse aggiuntive siano a carico della società armatrice. Data la sua vicinanza, se i lavori di adeguamento del Porto di Piombino procederanno con tempi compatibili con quelli dello smaltimento della Concordia, è auspicabile che il porto di destinazione e smaltimento del nave sia proprio quello di Piombino”.


Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici