Menu
RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017

Pistoia Capitale Italiana…

Presentate a Firenze...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

SCIENZA - Fisici di Firenze e Orlèans dimostrano come gli anticorpi reagiscono a corpo estraneo. Come un "portiere"

SCIENZA - Fisici di Firen…

Esattamente come un ...

GREEN ECONOMY MOTORE DI CRESCITA, PER IMPRESE E' ANTIDOTO ALLA CRISI

GREEN ECONOMY MOTORE DI C…

Un’impresa su quattr...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Consorzi di Bonifica, Vanni (Vicesindaco Sorano): "No a superamento deciso da Consiglio Regionale"

Consorzi di Bonifica, Vanni (Vicesindaco Sorano): "No a superamento deciso da Consiglio Regionale" Consorzi di Bonifica, Vanni (Vicesindaco Sorano): "No a superamento deciso da Consiglio Regionale"

"Sarebbe meglio che il Consiglio si occupasse di farli funzionare meglio"

AGIPRESS - FIRENZE - I consorzi di bonifica sono stati riorganizzati in Toscana meno di cinque anni fa, e mentre iniziano a dare alcuni risultati positivi, come nel caso del Consorzio 6 grossetano, anche se c'è ancora molto da lavorare, il consiglio regionale stabilisce che vanno "superati". E' il grido di allarme di Pierandrea Vanni vicesindaco di Sorano e membro del direttivo regionale di Anci Toscana che in una nota aggiunge: "Invece di impegnarsi perché operino al meglio, si è deciso di rimetterli in discussione in nome della 'precarietà' istituzionale nella quale la Regione Toscana si distingue (vedi Unioni dei Comuni, Ato rifiuti e Province, lasciando da parte la sanità). L'impressione, con il dovuto rispetto per il consiglio regionale, è che si sia superato il buon senso - aggiunge. Il 'superamento', (qualcuno voleva l'abolizione immediata), sarebbe frutto in buona misura delle proteste create a Firenze dall'arrivo per la prima volta dei bollettini della tassa di bonifica. Ma cosa dire per i cittadini, per esempio del grossetano come di altre province, che invece la pagano da anni? Per loro non c'è stata nessuna mobilitazione o protesta" - conclude Vanni.

Agipress

Ultima modifica ilMercoledì, 02 Agosto 2017 00:03
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici